Benvenuto a Christianismus - studi sul cristianesimo
Cerca
Argomenti
  Area utenti Pagina iniziale ·  Novità ·  Scaricamenti ·  Collegamenti ·  Classifiche ·  Archivio  
Sezioni
· PAGINA INIZIALE
· Il Gesù della storia
  e i suoi seguaci
· Il giudaismo
· L'Antico Testamento
· Il Nuovo Testamento
· Gli apocrifi
· Qumràn
· Letteratura cristiana
  antica
· Incredibile...
  ma falso!
· Recensioni e schede bibliografiche

Christianismus


Per conoscere il progetto Christianismus

· Presentazione
· Andrea Nicolotti
· Gli autori
· I volontari
· Sostienici
· Contattaci


Approfondimento: Ancora sul cosiddetto Testimonium Flavianum
Messo in linea il giorno Domenica, 11 febbraio 2007
Pagina: 1/6
Successiva Successiva



Ancora sul cosiddetto Testimonium Flavianum

di Lucio Troiani

Una rilettura del famoso passo di Flavio Giuseppe, così come ci è pervenuto.



Considerazioni sul Testimonium Flavianum

[È consigliabile la previa lettura della pagina del sito dedicata al Testimonium Flavianum di cui questo articolo costituisce un approfondimento].

La testimonianza relativa a Gesù, contenuta nel libro XVIII delle Antichità Giudaiche di Giuseppe, non è che una delle tante vexatae quaestiones che sono specifiche degli studi antichistici. Date la gran mole di indagini, la sterminata e millenaria bibliografia, la complessità interdisciplinare degli approcci, è necessario anzitutto delimitare il campo dell’indagine per evitare equivoci. L’analisi si concentrerà esclusivamente sul cosiddetto Testimonium Flavianum ed eviterà qualsivoglia genere di esame di edizioni e rifacimenti successivi, concernenti il brano tratto dall’opera di Giuseppe; si soffermerà sul testo così com’è costituito nell’edizione di B. Niese e prescinderà dal problema dell’interpolatore e eventuali inserzioni o censure dell’anonimo scriba (o scribi).

È questa infatti questione che dovrebbe essere valutata in subordine all’analisi diretta del testo la quale è lo scopo fondamentale della mia nota. D’altra parte, il compito primario di chiunque analizzi un testo antico è quello di spiegarlo così com’è pervenuto dalla tradizione manoscritta e di compararlo con testi contigui nel tempo e nello spazio. Partire pregiudizialmente dall’interpolazione significa orientare l’indagine in termini, in definitiva, aprioristici e preconcetti. Non è questione di particolare credulità o ottimismo candido, perché isolare e identificare i passi genuini da quelli spuri, con una paziente opera di cesellatura, presuppone un approccio più ottimista di chi studia il testo così come si presenta, anche se un tale approccio è mascherato da spirito critico. Chiunque legga la bibliografia sul Testimonium Flavianum, contenuta ad esempio nel volume di H. Schreckenberg[1], è colpito dalla frequenza e continuità, nei secoli, di un esame del testo centrato quasi esclusivamente sulla sua autenticità o contaminazione e, nello stesso tempo, può misurare il livello della mia imprudenza per essere entrato in un sentiero tanto battuto, tanto ingarbugliato e spesso rinchiuso nelle gabbie delle teorie precostituite.

È forse superfluo aggiungere che le mie osservazioni, dato il tormentato status quaestionis e l’imponente messe di studi, non vogliono avere nulla di univoco, tanto meno risolutivo e non pretendono neppure di trattare e discutere in modo esaustivo la bibliografia precedente (questo progetto, da solo, richiederebbe uno o più volumi di grande ampiezza). Vogliono più semplicemente introdurre alcuni spunti ed elementi di giudizio e stimolare (se possibile) ulteriori approfondimenti.



[1] H. Schreckenberg, Bibliographie zu Flavius Josephus, Leiden 1968. Cfr. i recenti studi di P. A. Gramaglia, Il Testimonium Flavianum. - Analisi linguistica, «Henoch» 20 (1998), pp. 153-177. J. Carleton Paget, Some Observations on Josephus and Christianity, «Journal of Theological Studies» 52 (2001), pp. 539-624 e di S. Bardet, Le Testimonium Flavianum. Examen historique, considérations historiographiques, Paris 2002. Sull’uso di Giuseppe nella tradizione ecclesiastica e per una riaffermazione della tesi dell’interpolazione totale, F. Parente, Sulla doppia trasmissione, filologica ed ecclesiastica, del testo di Flavio Giuseppe: un contributo alla storia della ricezione della sua opera nel mondo cristiano, in «Rivista di Storia e Letteratura religiosa» 36 (2000), pp. 9-25. Discussione della sterminata bibliografia e osservazioni dotte e puntuali si trovano in G. Jossa, Jews, Romans and Christians: From the Bellum Judaicum to the Antiquities, in J. Sievers – G. Lembi (edd.), Josephus and Jewish History in Flavian Rome and Beyond, Leiden-Boston 2005, pp. 331-342. [Per ulteriore bibliografia, si veda la pagina del sito dedicata al Testimonium Flavianum ]




Successiva Successiva



 
Opzioni

 Stampa Stampa


Argomento
Il Gesù della storia e i suoi seguaci
Il Gesù della storia e i suoi seguaci

 

 

Christianismus.it - © Tutti i diritti riservati - Copyrights reserved - Omnia iura reservantur
È vietata la riproduzione e diffusione non autorizzata dei contenuti del sito, fatta eccezione per l’uso personale. 


Sito internet realizzato da:
E' una TRX Idea...


Sito realizzato con PHP-Nuke